Concetto DIM | Dispositivo sanitario d'intervento Incidente Maggiore

Il nostro cantone, per le sue caratteristiche legate al traffico stradale particolarmente intenso, al traffico ferroviario ed aereo, in considerazione pure della situazione climatica e delle peculiarità geografiche ed orografiche, rientra senza ombra di dubbio tra le regioni dove la probabilità di un evento accidentale con elevato numero di feriti risulta statisticamente alquanto elevata.

La FCTSA nominò nel 1989 un apposito gruppo con il preciso compito di elaborare un concetto di piano d’intervento sanitario per incidenti maggiori.

Il Consiglio di Stato ha sottoscritto, a decorrere da inizio settembre 1995, la convenzione che affida alla FCTSA il mandato relativo alla gestione sanitaria dell’incidente maggiore.

In particolare è inoltre istituito un servizio di picchetto permanente, composto da un capo intervento sanitario e un medico responsabile, in grado di essere mobilitati immediatamente e trasportati mediante veicolo prioritario o elicottero sul posto dell’incidente maggiore.

Nel caso pratico l’allarme per l’incidente maggiore arriva a Ticino Soccorso 144 che fà scattare il piano d’intervento mobilitando:

  • il picchetto di comando, che entro la mezz’ora assume il comando sanitario
  • i medici d’urgenza
  • le diverse organizzazioni di soccorso terrestre e aereo.

Al loro interno queste strutture fanno quindi scattare il proprio piano d’allarme, che prevede il reperimento quasi immediato di un gruppo di collaboratori locali tramite "pagers" o radio.
Gli ospedali vengono pure immediatamente allarmati e messi in condizione di attivare gli opportuni preparativi (piano MASO). Salvo possibili eccezioni, i medici necessari al funzionamento del posto medico avanzato (PMA) non dovrebbero essere prelevati dagli ospedali alfine di evitare che questi ultimi si trovino in difficoltà al momento dei primi ricoveri.
Ogni componente del dispositivo (organizzazioni, medici o singoli collaboratori) si recherà nel più breve tempo possibile verso un luogo di raccolta dove verrà attribuito alle proprie funzioni specifiche in modo ordinato.